Promozione: Primi 6 mesi di servizio di stoccaggio del seme gratis. Approfondisci i vantaggi dello stoccaggio. Leggi qui.

COVID-19

Adottiamo tutte le precauzioni necessarie

Accettiamo ordini e spediamo come sempre. Ci rendiamo conto che alcune di voi potrebbero ancora avere delle esitazioni a continuare il trattamento a causa del COVID-19.

Come chiunque altro, stiamo prendendo la situazione molto seriamente. Abbiamo implementato tutte le direttive delle autorità sanitarie pubbliche presso le nostre sedi e continueremo a monitorare la situazione da vicino.

Linee guida

Siamo qui per aiutare

Se è in dubbio su quali cliniche siano aperte o se ha altre domande relative al COVID-19, non esiti a contattarci. I nostri dipendenti hanno una conoscenza approfondita di quasi tutti i paesi. 

Usi la chat qui sul nostro sito web, scriva a info@europeansemebank.com oppure ci telefoni al +45 3834 3600.

Domande frequenti

Guarda le domande più frequenti sul COVID-19. Se ha ulteriori domande, La preghiamo di contattarci.

Attualmente, non ci sono evidenze che il coronavirus si diffonda attraverso il seme. Aderiamo strettamente alle raccomandazioni per lo screening dei donatori emesse dalle autorità sanitarie locali e nazionali, e agiamo conformemente a esse.

Non c'è evidenza che l'infezione da COVID-19 aumenti il rischio di aborti spontanei o malformazioni fetali ma, come con ogni altro virus, se è o rimane incinta deve essere più attenta e assumere precauzioni per ridurre il rischio di contrarre l'infezione.

Per maggiori informazioni:

https://www.rcog.org.uk/en/guidelines-research-services/guidelines/coronavirus-pregnancy/covid-19-virus-infection-and-pregnancy/

Sì, gran parte del nostro personale può lavorare da casa mentre fornisce il servizio pertinente ai nostri clienti. Chiediamo al nostro personale di restare a casa se mostra sintomi di COVID-19 o se li mostrano persone a loro vicine, oppure se si sono recati in aree ad alto rischio. Poniamo anche ai donatori una serie di domande di screening per minimizzare il rischio che siano stati infettati. Altre misure precauzionali comprendono la frequente detersione delle superfici, e manifesti con istruzioni chiare affissi sulla porta d'ingresso di tutte le nostre sedi.

Siamo costantemente a contatto con i nostri partner logistici e a questo punto non vi sono indicazioni che le spedizioni in altri paesi possano essere un problema. Eventuali cambiamenti saranno aggiornati sul nostro sito web. 

Al momento, non ci sono evidenze che l'infezione da coronavirus si diffonda tramite il seme o che un'infezione da COVID-19 in una donna incinta aumenti il rischio di aborti spontanei o di malformazioni fetali. Il seme donato dopo l'epidemia di coronavirus sarà congelato e messo in quarantena e rilasciato secondo le direttive delle autorità sanitarie.

A oggi, non vi è alcuna evidenza che la vaccinazione contro il COVID-19 influenzi la qualità del seme del donatore. Analogamente, non ci sono segnalazioni di effetti dannosi sulle destinatarie causati da seme di donatori vaccinati contro il COVID-19. Seguiamo le raccomandazioni delle autorità sanitarie nazionali ed europee e agiamo di conseguenza. Inoltre, i donatori vaccinati devono rispettare gli stessi requisiti di screening per il COVID-19 dei donatori non vaccinati.